MENU

Gli Italiani. Vizi e virtù di un popolo

Novembre 2008

Luigi Barzini; Biblioteca Univ. Rizzoli

Nel 1964 Luigi Barzini, su commissione di un editore americano, tentò di intercettare la nostra identità in un saggio, "Gli italiani", descrivendo l'Italia della civiltà immortale e quella delle sciagure nazionali, senza dimenticare l'Italia piena di fascino amata dai turisti. Erano gli anni del boom, la nostra democrazia si andava consolidando, il nostro design dettava legge, così come la nostra cinematografia, la letteratura, il teatro e persino le automobili. Capire chi eravamo diventava quindi un'esigenza diffusa. Oggi, a oltre quarant'anni dalla sua pubblicazione, il saggio di Barzini rivela ancora una forza dirompente. Perché nel leggere questa avvincente riflessione sulla nostra storia e sul nostro costume la domanda che ci si pone è insieme semplice e complessa: che libro avrebbe scritto Barzini se avesse dovuto scriverlo oggi? In che cosa ci siamo evoluti e che cosa, invece, è rimasto immobile e mineralizzato?

Italiano per caso 11 ottobre 2017 Italiano per caso

Storie di Italofonia nella svizzera non Italiana

Gli italiani in Europa 11 ottobre 2017 Gli italiani in Europa

 Profilo storico comparato delle identità nazionali europee

Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale 12 ottobre 2017 Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale

Il futuro geopolitico del pianeta

Global-Mente 12 ottobre 2017 Global-Mente

 Metafore culturali per capire 17 paesi

L'italicità: cultura, business e partecipazione 19 ottobre 2017 L'italicità: cultura, business e partecipazione

Gli italici: cultura e valori di una civilizzazione globale